Hostaria Romana il luogo incantato tra le mura medioevali di Bergamo

Per chi non la conosce affatto o non la conosce abbastanza, Bergamo è una città piena di sorprese. Intanto è una superlativa città d’arte: Bergamo Alta ha mantenuto un’incredibile unità architettonica che spazia dal Medio Evo al Rinascimento e propone un centro da girare a piedi gradevolissimo e pieno di vita, ma anche nella parte più moderna della città ci sono tesori da scoprire, come il Palazzo neoclassico dell’Accademia Carrara (www.lacarrara.it), che porta il nome del conte Giacomo che la fondò nel 1796: nelle sue 28 sale sono esposte quasi 600 opere su un arco cronologico di cinque secoli, con una forte predilezione per i maestri del Rinascimento italiano del ‘400 e ‘500: Mantegna, Bellini, Botticelli, Raffaello e poi a continuare con Tiziano, Tiepolo, Canaletto, Guardi e Hayez. Il palazzo di fronte è dedicato all’arte moderna e contemporanea, con opere permanenti e mostre a rotazione.
 
Nella cucina dello Chef Antonio Cuomo all
 
L’hotellerie di Bergamo si è arricchita cinque anni fa di un indirizzo a cinque stelle, membro della prestigiosa catena internazionale degli Small Luxury Hotels: è il Relais San Lorenzo che si trova sulla piazzetta alberata di fronte alla Cittadella, praticamente dietro alla Chiesa del Carmine. La sua storia è singolare: sul luogo sorgeva un piccolo albergo più modesto. La fortuna o la sfortuna di trovare importanti resti archeologici nel basamento non permetteva di mettere mano a una ristrutturazione senza capitali ingenti: ci fu dunque un passaggio di proprietà nelle mani di una famiglia bergamasca il cui attuale proprietario, ingegnere, si innamorò del progetto e trasformò completamente la struttura.
 
Nella cucina dello Chef Antonio Cuomo all
 
Così grazie al design dell’architetto Adolfo Natalini oggi si può trovare un albergo di stile contemporaneo con 30 camere su due piani, arredate con gusto e ornate di opere d’arte, raccolte intorno al silenzioso e riparato patio centrale. L’artigianalità ed il design italiano rendono piacevole il soggiorno tra pregiate essenze di legno da Afromosia, poltrone, sedie e divani in pelle Frau, tavolini Molteni&C, lampade Flos, vasche in corian di Agape, idromassagio Jacuzzi, docce con soffioni di grandi dimensioni per un effetto pioggia con cromoterapia, pregiati rasi di Rivolta Carmignani, tappeti annodati a mano e prodotti di cortesia Molton Brown nei bagni.
 
Per il relax c’è una bella terrazza-bar con piscina jacuzzi, ombrelloni, lettini e vista panoramica sulle Prealpi. Nel piano sotto la reception è stata ricavata una sala riunioni e la Spa con sauna finlandese, bagno turco, docce emozionali e sala di riposo con una grande parete costituita da mattoni in salgemma collocati in una stanza chiusa, che viene riscaldata da una stufa, incassata in una struttura rivestita dagli stessi mattoni. Molto utile trovandosi in zona pedonale a traffico limitato è il garage custodito equipaggiato anche con colonnine di ricarica per le auto elettriche da 30 posti auto accessibili con un ascensore monta-auto perché non c’è lo spazio per una rampa.
 
Nella cucina dello Chef Antonio Cuomo all
 
Il ristorante sotterraneo Hostaria di soli 35 coperti è un luogo unico, incastonato tra le rovine medievali e romane della città. Da una parte si vedono i muri restanti di una Domus Romana del 300 a.C., dall’altra resti stratificati dal 300 al 1300 con cisterne per il recupero dell’acqua, un pozzo 22 metri, il tracciato di una strada romana e forse l’ingresso di una hostaria dell’epoca, da cui ha preso il nome il ristorante.
 
Oltre alla prima colazione a buffet al mattino tra le 7.30 e le 10.30, in questa sala sotterranea, illuminata da un lato da grandi vetrate perché il terreno digrada, si serve anche il pranzo e alla sera con lo stesso orario, 7:30-10:30 un unico turno per la cena. L’executive chef fin dall’apertura dell’hotel è Antonio Cuomo, napoletano di nascita ma trapiantato da tempo in Lombardia. Cuoco per passione, ha studiato alla scuola alberghiera di Castellammare di Stabia, iscritto di nascosto e a sorpresa dalla madre, perché il padre, anch’egli cuoco e oggi assai orgoglioso dei suoi successi, all’epoca non voleva che il figlio si imbarcasse in un lavoro così impegnativo e faticoso.
 
Nella cucina dello Chef Antonio Cuomo allIl saluto della cucina all'”Hostaria romana” è una terrina di polpo con salsa alle carote e verdure. Alcuni esempi della creatività è della fantasia dello chef sono tra gli antipasti la seppia alla piastra con pinzimonio di verdure, gelato alla zucca e zenzero e i suoi semi tostati con agrodolce al kumquat; tra i primi piatti gli gnocchi di patate alle olive con cuore al pesto genovese, brodo di pomodoro, polpo grigliata e olio a basilico o i casoncelli, una pasta all’uovo ripiena di mascarpone affumicato, gamberi rossi in crudità, estratto a freddo dei carapaci e lime nero dell’Oman; tra i secondi di carne il controfiletto di manzo irlandese appena scottato, melanzana laccata al Tamari, fagiolini, coulisse di pesche e formaggio affinato nelle foglie di castagne o il petto d’anatra con radici di prezzemolo in crema, broccolo romanesco e salsa alla sangria. Infine dopo un predessert con mousse di fragole, zabaglione, crumble al cioccolato e biscotto al cioccolato fondente si può finire con un dessert insolito: finocchio, liquirizia e cioccolato bianco.
 
L’attenzione a cucina vegetariana saporita e creativa dello chef lo ha portato a vincere in primavera a Milano l’ambito primo premio nella finale del concorso internazionale di cucina vegetariana denominato “The Vegetarian Chance” decretato dalla giuria presieduta da Pietro Leeman. “La mia famiglia è la mia brigata” conclude Antonio Cuomo, orgoglioso della crescita dei suoi giovani, quando a fine cena ama salutare e fermarsi a conversare con i clienti italiani e stranieri, non solo residenti in albergo, che da tempo hanno decretato il successo del ristorante.
 
Relais San Lorenzo
Piazza Mascheroni 9A, Bergamo(BG)
Tel. 035 237383
Email: welcome@relaisanlorenzo.com
www.relaisanlorenzo.com

 
Leggi a anche “Ristorante La Cigale: la birreria dall’incredibile storia che dura 120 anni
 
Nella cucina dello Chef Antonio Cuomo all
Nella cucina dello Chef Antonio Cuomo all
Nella cucina dello Chef Antonio Cuomo all
 


Potrebbero interessarti anche