Moovenda: ristoranti, utenti, traffico, città coinvolte. Cosa c’è da sapere!

Intervista a Gianpaolo Sacconi - Responsabile della comunicazione ed investitore di Moovenda

Gianpaolo sacconi moovendaAbbiamo intervistato Gianpaolo Sacconi, Responsabile della comunicazione ed investitore di Moovenda per conoscere meglio la piattaforma di food delivery.

Com’è nata Moovenda e come si presenta al mercato oggi?
Moovenda è nata a nel 2015 dopo aver vinto uno startup weekend a Roma, grazie all’incontro dei tre founder e alla lungimiranza di LVenture Group che ci ha creduto per prima. Oggi Moovenda è la startup italiana di Food Delivery più grande per numero di ordini.

Moovenda in numeri: ristoranti, utenti, traffico, città coinvolte…
G: Attualmente operiamo in cinque città: Roma, Napoli, Viterbo, Cagliari e Cosenza con circa 1.200 ristoranti affiliati. Facciamo circa 10.500 ordini al mese di cui 3.500 sono di nuovi Clienti, il fatturato è in constante crescita.

Quali sono le peculiarità di Moovenda rispetto ai big del settore?
Siamo gli unici che consegnano senza limiti di distanza, abbiamo un algoritmo logistico di ottimizzazione delle corse che ci permette di far lavorare al meglio i fattorini (noi li chiamiamo “moover”). Questo ci ha permesso anche di evitare tutte le problematiche che stiamo vedendo in questi mesi con i contratti dei fattorini, i nostri sono tutti sotto contratto con Inps ed Inail regolarmente versati.

uali sono i progetti futuri di Moovenda?
Abbiamo deciso di migliorare il servizio posizionandoci sul segmento premium: ordinare su moovenda deve essere un’esperienza. Abbiamo notato la tendenza dei nostri competitor del Food Delivery a puntare sul Mass Market, accettando tutti i tipi di ristoranti, soprattutto quelli di bassa qualità. Noi vogliamo andare in controtendenza ed offrire ai nostri Clienti il servizio migliore che si possa avere.
Già dai prossimi mesi infatti metteremo in campo una flotta di motorini nostri con dei nuovi contenitori dotati di dispositivi di conservazione sia per i cibi caldi che per quelli che devono essere mantenuti al freddo. Questa è una novità rivoluzionaria nel campo, stiamo infatti lavorando anche sul packaging per fare in modo che il cibo di qualità si conservi al meglio durante la consegna. Altra grande novità sarà caratterizzata dal nostro servizio dedicato al pranzo in ufficio, si chiamerà “OffLunch” e permetterà a tutti i dipendenti e professionisti di medie-grandi realtà di ricevere comodamente in ufficio il pranzo ad un prezzo conveniente, con puntualità e praticità mai viste prima.
 
moovenda food delivery come funziona
 
Clicca sull’icona e scopri anche gli altri servizi di Food Delivery che abbiamo intervistato!
 

 


Potrebbero interessarti anche