L’ostrica Amélie Maison D’Huîtres all’opening del “Ristorante Cracco”

Carlo Cracco nuova aperturaIn occasione dell’attesissima apertura del suo nuovo ristorante nel cuore di Milano, lo chef Carlo Cracco ha scelto per il menù dell’opening la Maison D’Huîtres Amélie.
 
Qualità, eleganza e unicità sono i tratti distintivi dell’ostrica della Marennes-Oléron Amélie, che dopo aver conquistato la Francia e la Spagna, è da qualche mese arrivata in Italia appassionando con il suo sapore unico i palati più esigenti, i critici enogastronomici e molti dei nomi più prestigiosi della cucina gourmet.
 
Le ostriche Amélie sono il frutto dell’incontro tra le acque agitate dell’Oceano Atlantico, che grazie alle maree sono ricche di sedimenti e fitoplancton, e quelle invece dolci del fiume Seudre. Da qui un’alchimia di sapori che regalano al palato emozioni uniche.
 
Un successo internazionale quello di Amélie che, a pochi mesi dal suo arrivo in Italia, ha ora l’onore di essere inserita dallo chef nel menù del suo nuovo “Ristorante Cracco” in Galleria Vittorio Emanuele.
Sarà infatti proprio nel “salotto di Milano”, dove un tempo si trovava l’ex spazio Mercedes, che le ostriche Amélie potranno essere scoperte tra le proposte uniche dello chef stellato.
 
All’interno del ristorante sarà infatti possibile godere di un’esperienza che coinvolge tutti i sensi, che unirà la mano di uno degli chef più apprezzati nel panorama culinario internazionale al sapore unico dell’ostrica Amélie. Un rituale inedito di gusto e ricercatezza, pronto a conquistare un pubblico selezionato, pronto a lasciarsi stupire dall’eleganza e dal savoir faire della Maison francese.
 
Maison D’Huîtres Amélie – Company profile
 
Carlo Cracco menù nuova aperturaAmélie è il primo nome che identifica un’ostrica eccezionale prodotta dall’omonima Maison nata nel 2014 e che trova la sua origine nell’antica produzione francese, nel cuore della regione Marennes-Oléron, situata nella Charente Marittima in Nuova Aquitania.
 
Qui, l’Oceano Atlantico, l’isola di Oléron e il fiume Seudre, l’ostrica di Amélie assume sfumature particolari grazie all’azione costante delle maree e all’acqua dolce del fiume dalle qualità organolettiche, trovando nei claire, antiche saline, il suo terreno fertile per la maturazione.
 
Mentre le acque fredde e le forti correnti aiutano il guscio a rafforzarsi. Partendo da una solida tradizione che risale all’Impero romano e tramandata di generazione in generazione, la regione nel 2009 viene insignita con il riconoscimento IGP (Indicazione geografica protetta). Una qualità intrinseca dunque che si basa sul know-how e sul sito di produzione.
 
Carlo Cracco nuova aperturaQuattro le varietà di Amélie: fine de Claire, ideale per ogni momento della giornata, Spéciale de Claire, dalla consistenza decisa e un gusto equilibrato.
Verte, unica e molto rara, con un sapore molto dolce, dall’aroma di nocciola, per arrivare a Pousse en Claire che rappresenta il prodotto d’eccezione della maison, adatta per le grandi occasioni, grazie alla sua consistenza croccante e al suo sapore fruttato.
 
Grazie alla sua eccellenza che soddisfa tanto i palati degli amanti e dei gourmet, ma anche di chi si avvicina per la prima volta al mondo dei molluschi bivalvi.
 
Amélie è inclusa nei menù degli chef stellati dei migliori ristoranti italiani e stranieri. E la crescita è destinata a continuare. La Francia rimane il primo mercato europeo, sia in termini di produzione sia di consumo. Nella top list si posizionano anche Italia, Belgio, Paesi Bassi, Spagna, Regno Unito, Portogallo e Irlanda.
 
La qualità di Amélie è stata riconosciuta dal prestigioso Guild of Fine Food e premiata con il Golden Fork, il più alto riconoscimento dei Great Taste Awards.
 
 
Leggi anche “Milano, Cracco apre il suo ristorante in galleria Vittorio Emanuele


Potrebbero interessarti anche