Costo “fai da te” alla pizzeria “Ambaradan” di Milano


 
Lo scorso fine settimana ha aperto la pizzeria “Ambaradan” di Paolo Polli a Milano in zona Corso Sempione, una pizzeria nella quale il conto da pagare lo decidi tu.
 
Il sistema potrebbe suscitare delle perplessità, ma non per il titolare del locale, il quale ha evidenziato come l’idea sia sorta dall’esperienza personale dalla quale poi sono sorte la necessità di veder crescere il proprio profitto proporzionalmente alla qualità della cucina e del servizio e, d’altra parte, quella di ricevere un feedback chiaro sul raggiungimento o meno dello scopo principale del ristoratore, quella di soddisfare sempre il cliente. Per Paolo Polli è importante che ogni suo cliente possa esprimere il gradimento della propria esperienza culinaria.
 
Il sistema applicato è molto semplice e il valore che lo contraddistingue è quello della meritocrazia: dopo aver assaggiato la pizza preparata da Enrico Formicola, che segue con rigorosa precisione la ricetta originale della vera pizza napoletana. Successivamente la pizza passa poi al vaglio del gusto dei clienti che possono scegliere tra tre opzioni: “migliorabile”, nel caso in cui si ritenga che la pizza non abbia rispettato le aspettative, “buona” o “ottima” nel caso in cui il piatto abbia ampiamente superato le aspettative. Anche per le birre artigianali vale lo stesso metodo di valutazione. In base ai voti il prezzo da pagare cambia in modo che ogni cliente possa esprimere il propria soddisfazione o insoddisfazione. È un metodo utile di valutazione per capire dove migliorare e, se il servizio e la proposta risultano ottimi, lo staff guadagnerà degli extra: il merito lo assegna il cliente
 
Ambaradan pizzeria MilanoIl menù è quanto mai invitante e propone dai fritti alle bontà tonde farcite con una vasta scelta di ingredienti di alta qualità che variano in base alla stagionalità delle materie prime, per una pizza napoletana da manuale.
Dalle 18.30 alle 19.30 Ambaradan propone l’aperitivo si compone di cinque birre artigianali del birrificio BQ, tre tipologie di vini e sei cocktail che verranno abbinati dal barman con le pizze.
Su tutto il beverage è ammessa la votazione (tranne acqua e bibite), perché in fondo, anche sulla scelta del vino, anche se non viene prodotto al locale, si apre un mondo di discussione. Una ricca degustazione di sfiziosità fritte e spicchi di pizza accompagna il momento che precede la cena.
Dalla mezzanotte, quando termina il servizio cucina, alle 2, è il regno dei cocktail in abbinamento a sfiziosità.
 
Siamo è vero in un periodo storico dove la parola risparmio è tra le più usate ed è chiaro che la nuova proposta di Paolo Polli possa attirare persone intenzionate solo a spendere meno, ma il proprietario è il primo a credere che la maggior parte delle persone darà un giudizio sincero, necessario per valutare le proposte del locale. Il surplus tra il prezzo di una pizza valutata come buona – ovvero il costo reale della pizza – e una valutata come eccellente, va al personale di sala per dare una gratificazione al grande lavoro che svolgono, un premio produzione sullo stile delle grandi aziende. Provare per credere.
 
AMBARADAN
Via Castelvetro, 20
20154 Milano

 


Potrebbero interessarti anche