Come si conservano affilati i coltelli di uno chef? I consigli di Bruno Barbieri

Gli strumenti per eccellenza di uno chef sono i propri coltelli: grandi, piccoli, con o senza denti… I coltelli, come in tutte le cucine professionali, ma anche a casa, non tagliano mai. Come si può rimediare a questo terribile problema? Lo chef Bruno Barbieri ha dispensato alcuni utili consigli nel proprio canale YouTube; abbiamo deciso di riassumerli per voi nella speranza di esservi d’aiuto per avere strumenti sempre taglienti.
 
Direttamente dall’Antica Aguzzeria del Cavallo di Bologna, una bottega storica in cui Barbieri andava fin dai tempi della scuola alberghiera, lo chef protagonista di Masterchef Italia suggerisce i 3 punti per avere i nostri strumenti da taglio sempre perfettamente affilati. Vediamoli insieme!
• Mai lavare i coltelli in lavastoviglie a 100°C perché perdono il filo
• Mai posizionarli dentro un cassetto tutti insieme perché lama contro lama perdono il filo
• Avere sempre a portata di mano un acciaino, lo strumento che serve per affilare i coltelli
 
Quali sono i coltelli indispensabili in una cucina? Al di là del classico coltello per il pane, per la carne e via discorrendo, lo chef Barbieri consiglia:
• la coltellina: è lo strumento che serve per tagliare le tagliatelle e le taglioline. Manca in quasi tutte le cucine d’Italia e del mondo ma è utilissimo!
• il coltello in ceramica: è perfetto per tagliare l’erba cipollina, le erbe aromatiche e le verdure in generale.
 
Se non vogliamo metterli nel cassetto e non abbiamo un ceppo, lo chef consiglia di disporre i coltelli “appesi” ad una calamita posta sul muro: una soluzione semplice… ma geniale!
 
Dunque, veniamo alla domanda delle domande: qual è il coltello più pericoloso in cucina? Come suggerisce Roberta Capua, vincitrice del primo celebrity Masterchef, ovviamente è “quello che non si sa usare!”.
Vuoi vedere il video integrale dello chef Bruno Barbieri? Eccolo qui!
 


Potrebbero interessarti anche