Allergie alimentari: il dispositivo tascabile che riconosce gli allergeni

Si chiama Ally ed è il nuovo “amico” per tutti coloro che soffrono di allegie e intolleranze alimentari, il simpatico nome infatti deriva da un gioco sulle parole “allergie” e “alleato”.
 
A disegnare questo dispositivo è Imogen Adams, studente in Product Design Engineering presso la Brunel University che, come ha raccontato a Dezzen: “Volevo che il dispositivo fosse abbastanza piccolo da essere discreto, ma non piccolo da perdere. Il design è semplice e minimalista con un solo pulsante per consentirne l’utilizzo più intuitivo possibile”.
 

 
Infatti il suo uso è molto semplice: si prende un piccolo campione di cibo e acqua, si immerge la striscia di prova nella miscela e si inserisce poi nella fessura di Ally. Se per esempio il lattosio è presente nel campione, la striscia cambia colore e maggiore è l’intensità dello stesso maggiore sarà la concentrazione.
 
A supporto del dispositivo, è stata creata anche un’app che riporta i test. Ma attenzione se l’utente non ha piacere di guardare lo smartphone durante la cena, Ally comunica con una vibrazione per segnalare il risultato positivo o negativo. Inoltre, l’app permette di condividere i propri risultati e di lasciare recensioni ai ristoranti.
 


Potrebbero interessarti anche