Estate: è tempo di rinnovare il menù dei ristoranti

Massimiliano Montanari

Massimiliano Montanari

Finalmente ci siamo! Arriva l’estate, i primi caldi si fanno sentire e con loro l’urgenza di rinnovare l’offerta e il menù. Pensiamo a nuove proposte, piatti estivi con frutta e verdura in quantità, senza perdere di vista l’aspetto del food cost.

Le parole d’ordine per iniziare al meglio la stagione estiva e per essere competitivi sono leggerezza e freschezza. Per questo periodo dell’anno, infatti, suggerisco di cambiare il nostro approccio alla vendita: dobbiamo tener presente tutti i fattori della nuova stagione che porta con sé esigenze e clientela differenti. Consiglio, nel menù, di dare spazio alla realizzazione di piatti freschi e con un ampio margine di guadagno.

come rinnovare il menù in estate

Per rendere meglio questa idea vi voglio ricordare la storia, conosciuta da tutti, del mercante di cocomero: egli per aumentare il suo guadagno decise di trasformare la classica fetta di cocomero in un bicchierino. Passò così da un incasso iniziale di 1.00 euro ad un nuovo incasso maggiore di 3.50 euro. Cosa ha aggiunto? Pochi centesimi del costo del bicchiere ed un minuto del suo tempo per il taglio. Questo per invitarvi a pensare ad una strategia vincente. Vi sembra una strategia vincente? Beh credo proprio di si.

E allora mettiamo da parte i nostri menù invernali nei quali zuppe, pasti caldi e di struttura fanno da protagonisti. L’idea che vi suggerisco è di proporre un qualcosa di differente, che a livello di incasso, permetta di mettere in tasca un utile maggiore, tenendo presente le necessità dei nostri potenziali clienti durante la stagione estiva.

Per esempio proponiamo insalate caratterizzate da combinazioni leggere e sfiziose con l’obiettivo di lasciare un segno al nostro cliente. Diamo largo spazio alla nostra fantasia, utilizziamo colori e sapori nuovi. Creiamo abbinamenti innovativi e vincenti, prendendo spunto magari dalle cucine etniche e utilizzando ingredienti che possano dare un valore aggiunto alla nostra insalata come i semi e la frutta a guscio, particolarmente di tendenza, e ancora bulgur o quinoa, per non parlare della meravigliosa frutta e verdura di stagione, e freschi latticini come mozzarella, burrata e stracciatella.

Ah quasi dimenticavo: abolite dal menù quei famosi ciotoloni di pane in cui amate servire l’insalata. Se proprio avete una tale velleità, suggerisco di accompagnare l’insalata con una bella focaccia profumata e croccante.


Potrebbero interessarti anche