Addio a Anthony Bourdain, lo Chef con l’amore per la cucina del mondo

Un altro Chef che se ne va. Addio a Anthony Bourdain - photo by David Scott Hollowayphoto by David Scott Holloway
 
E oggi esce di scena tristemente un altro grande chef di fama internazionale, Anthony Bourdain. Nato a New York nel 1956, stava girando un episodio del programma “Kitchen Confidential” in Francia quando questa mattina è stato trovato morto nella sua camera d’albergo dal suo amico e Chef Eric Ripert.
 
E’ diventato particolarmente famoso nel 2000, dopo la pubblicazione di Kitchen Confidential in cui lui stesso svela i segreti custoditi nelle cucine di famosi ristoranti americani, compreso l’uso di droghe e superalcolici per reggere i folli ritmi imposti dagli chef. In Italia è conosciuto anche per “Anthony Bourdain: viaggio di un cuoco”, un viaggio, appunto, in giro per il mondo alla ricerca di nuove ricette.
 

Lo Chef Anthony Bourdain era una sorta di esploratore gastronomico, con programmi televisivi come No Reservations e Parts Unknow aveva contribuito a cambiare sia la cultura culinaria – aprendo ai più svariati sapori dal mondo – sia l’immagine del celebrity chef: lontano che ai fornelli dei reality aveva sempre preferito raccontare il cibo così come realmente lo consuma la gente. Lo aveva ribadito anche in una recente intervista a Repubblica: “Amo il cibo di strada. Quello di Singapore più di ogni altro, frutto di innumerevoli contaminazioni avvenute nel tempo. E poi quello cinese, e naturalmente l’italiano”.
 
Un altro Chef che se ne va. Addio a Anthony Bourdain
 
Alla sua tavola aveva ospitato anche Barack Obama, in una puntata specialissima di No Reservation. Per l’uomo più potente del mondo aveva scelto un piccolo ristorante familiare di Hanoi, in Vietnam, dove era possibile gustare un solo piatto, il Bun Cha, una zuppa di maiale: “Incredibile quanto fosse a suo agio sulle sedioline di plastica, a bere birra della bottiglia. Parlò da padre mai da presidente”, ricordava Bourdain.
 
La Cnn annuncia: “E’ con estrema tristezza che confermiamo la morte del nostro amico e collega, Anthony Bourdain. Il suo amore per le grandi avventure, nuovi amici buon cibo e vino e le straordinarie storie del mondo lo hanno reso un narratore unico, i suoi talenti non hanno mai smesso di stupirci e ci mancherà moltissimo. I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con la figlia e la famiglia in questo momento incredibilmente difficile”.
 


Potrebbero interessarti anche