I 10 buoni motivi per non perdersi Host Milano

La ristorazione del futuro, in un solo luogo.
Questa è HostMilano, la manifestazione dell’ospitalità che ogni due anni a Rho Fiera attira centinaia di migliaia di visitatori professionali da tutto il mondo.
La 41° edizione andrà in scena dal 18 al 22 ottobre 2019. E qui, citando la pubblicità di uno storico grande magazzino londinese, potete veramente trovare di tutto, dal chicco di caffè alla tazzina, dalla sedia all’abbattitore, dalla gelatiera alla macchina da caffè. Ma HostMilano è molto di più. Ecco dieci buoni motivi per non mancare alla prossima edizione.

Host Milano 2019

1

È la vetrina più completa al mondo per l’ospitalità professionale

Host è davvero un villaggio globale: a fine giugno erano ben 1.912 le aziende già confermate, 1.127 italiane e 785 estere da 54 Paesi, con le new entry Albania, Argentina, Colombia, Iran, Lettonia e Libano.
La manifestazione è divisa in tre macroaree: Ristorazione professionale e Pane Pizza Pasta che “pesa” per il 43,9%, Caffe Tea – Bar Macchine Caffè Vending – Gelato Pasticceria per il 37% e Arredo e Tavola per il 19,1%. I Buyer, profilati, sono 1.500 da 80 Paesi.

2

È la fiera che certifica le soluzioni del futuro, grazie alla smart label

Le aziende presenti porteranno le loro novità, spesso in anteprima, a Host. Ma per andare sul sicuro seguite l’etichetta verde conferita da Smart label – Host Innovation Award, il concorso di Fiera Milano e HostMilano, in collaborazione con POLI.Design, Consorzio del Politecnico di Milano con il patrocinio di ADI che premia le innovazioni più dirompenti, che hanno saputo guardare dritto in faccia al futuro. Il punto di riferimento per le tecnologie Made in Italy sarà la Food-Technology Lounge di Anima ed EFCEM Italia.

3

C’è Iginio Massari che porta i migliori pâtissiers e vi spiega cos’è la pasticceria di lusso

Il dessert al ristorante, se ben gestito, è un’opportunità di business, soddisfa i clienti e fa concludere degnamente il pasto. Per capire cosa è e come si evolverà la pasticceria di lusso e come comunicarla correttamente c’è “Pasticceria di lusso nel mondo by Iginio Massari” l’appuntamento che, sotto la supervisione del Maestro, darà vita a showcooking, seminari e degustazioni con una ventina tra le più importanti star mondiali della pasticceria.

4

Il caffè questo sconosciuto (ma qui si scopre un mondo)

Il caffè sta vivendo un’evoluzione, da commodity a prodotto gourmet.
Per questo sarebbe importante che la ristorazione alzasse l’asticella. A Host nel Sic, il Salone internazionale del caffè, trovate formazione ad altissimo livello (To Coffee, a cura di Andrej Godina), campionati (VI° Gran Premio della Caffetteria Italiana e World Latte Art Battle Championship), Coffee Addition a cura di Gianni Cocco, che approfondirà il tema della “mitigazione”. E naturalmente soluzioni per tutte le esigenze.

5

Il nuovo corso del pane? Parlano i protagonisti

Un prodotto da non dare per scontato come ci insegna uno chef tristellato come Niko Romito che lo ha reso protagonista in tavola. Le nuove tendenze della panificazione saranno al centro dell’area dell’Associazione Panificatori di Confcommercio Milano Lodi Monza e Brianza, che prevede laboratori e seminari sui temi più caldi del momento.

6

Food Pairing e nuove tendenze, per rinnovarsi

Un cocktail a tavola? Un’idea, una realtà da tempo in altri Paesi come gli USA. Ma che sta entrando di prepotenza anche da noi. I trend del momento si svelano al Flair & Mixology h 24 allo stand di FIPE e con “Gli aromi del Food & Beverage” a cura di Mixer e Planet One, che punta i riflettori su una mixology sostenibile e consapevole che usa ortaggi, erbe, spezie, verdure e frutta a Km zero.

7

Nuove leve e formazione, per tutti

Mai sottovalutare l’importanza della formazione e dell’aggiornamento professionale in un mondo in continuo movimento. Ci credono le associazioni, presenti in forza a Host con un fittissimo programma di eventi, showcooking, seminari. Così Restaurant engineering – Evoluzione del Mondo del Fuoricasa vista da Dietro le quinte a cura di APCI; l’Academy della Federazione Italiana Cuochi e “Food and hospitality in the future”, le tavole rotonde di FCSI – Foodservice Consultants Society International.

8

I migliori del mondo in scena con i campionati

Host è anche il palcoscenico per campionati mondiali di altissimo profilo che vedono i migliori professionisti sfidarsi in esibizioni mozzafiato, un vero spettacolo nello spettacolo. Tornano il “Cake Designers World Championship” e “World Trophy of Pastry, Ice Cream and Chocolate” a cura di FIPGC e debutta il Panettone World Championship a cura dei Maestri del Lievito Madre.

9

Arredo e tavola qui svelano le ultime tendenze

È ora di pensare a un restyling, anche trasformando gli spazi esistenti con qualche piccolo tocco. Per farsi ispirare, Host dipana le ultimissime tendenze della tavola e degli arredi nei due padiglioni dedicati, uno spazio sempre più cool e rilevante della manifestazione.
Le 7 Design Talks poi nell’ambito del progetto Smart Label sono seminari di aggiornamento professionale per architetti, esperti e operatori del settore con un innovativo approccio incentrato sull’utente e un focus sulla trasformazione digitale.

10

Format delle mie brame, chi è il più bello del reame?

Il bar del futuro si concretizz a in Futurbar-REvolution di Comufficio progettata dallo Studio di Architettura Mussapi. Ma i format più nuovi sono spesso frutto di ibridazioni, e prenderanno forma a Host tra ristoranti cool, gelaterie fai-da-te e pasticcerie simili a boutique di design. Uno sguardo, reale, sul locale che verrà.


Potrebbero interessarti anche