Elliot Pub: la pizza in pala anche in birreria… e la proposta diventa gourmet

La storia incontra l’innovazione all’Elliot Pub, il pub più antico di Roma dove, oltre a degustare una varietà di ottime birre, l’offerta si completa con una proposta food vincente: la pizza in pala farcita con i migliori ingredienti stagionali e servita ai clienti che non vedono l’ora di fare Scrock.

L’idea di introdurre la Scrocchiarella nel menù dell’Elliot Pub è stata di Fabrizio Iacovella, professionista dell’arte bianca dal 2009 che ha sempre avuto la passione e l’entusiasmo di “fare la pizza in casa” e finalmente, quasi otto anni fa, ha trovato il prodotto giusto da proporre alla sua fedele clientela. La scelta di introdurre la Scrocchiarella è stata vincente perché il numero di clienti all’ora di cena è notevolmente aumentato e così l’offerta, come solitamente succede per un classico pub, non si è ridotta solo al consumo di alcolici.

La pizza in pala all’Elliot Pub

Fabrizio si è avvicinato all’azienda Italmill quando, quest’ultima, stava ultimando un prodotto che anticipava i tempi di preparazione dell’impasto. “Grazie alle miscele Scrocchiarella, ho potuto riorganizzare il lavoro con metodo anche in poco spazio. Quando il locale è chiuso preparo gli impasti nelle varie versioni: classica, riso venere, multicereali, grano duro, li formo e li passo in forno per una precottura e poi in abbattitore a -18 gradi. Avere le mie basi precotte a disposizione quando il locale apre, mi ha permesso di accorciare i tempi di cottura e farcitura finale, fornendo un servizio migliore”. In più, come ci racconta: “Dal punto di vista della qualità c’è stato un salto notevole grazie al lievito naturale che rende il prodotto croccante, leggero e digeribile come vuole il cliente”. Ad ogni base Fabrizio abbina topping studiati secondo la stagionalità e secondo il gusto del cereale principe.
• Durante il periodo estivo propone alla sua clientela la base Riso Venere con pesce spada, stracciatella e maionese allo zenzero o ancora bresaola di tonno con del pesto al finocchietto selvatico.
• Nel periodo invernale, propone farciture più decise con prodotti che ricordano i profumi della montagna come i funghi porcini oppure il tartufo.

Ricordiamoci che siamo in un pub e, oltre agli ingredienti per la farcitura, attenzione viene riservata anche all’accompagnamento con la birra giusta: Fabrizio assieme al Mastro Birraio confrontano sapori e luppoli per trovare la combinazione perfetta. Un’offerta non più da classica pizzeria, ma una proposta gourmet con prodotti di qualità e facili da gestire. Come ci racconta, anche a distanza di anni, la soddisfazione più grande rimane la meraviglia negli occhi dei clienti che vedono arrivare la pizza in pala Scrocchiarella, seguita dai complimenti che non mancano mai.
 
pizza scrocchiarella Elliot pub
 

Ricetta della Pizza Profumi di bosco

 

Ingredienti

 
Per il preimpasto
• Mix Scrocchiarella Rustica
• 1000 g di Mix Scrocchiarella
• 600 g di acqua
• 10 g di lievito Bravo secco (20 g se fresco9
• 1610 g totale
 
Per l’impasto
• 1610 g di preimpasto
• 1000 g Mix Scrocchiarella
• 900 g di acqua
• 40 g di olio evo
• 5 g di lievito Bravo secco (10 g se fresco)
 
Per il topping
• crema di porcini
• mozzarella fiordilatte dell’Agropontino
• lardo di colonnata (a cottura ultimata)
• castagne al miele
• cavolfiore viola
 

Preparazione

 
PER IL PREIMPASTO
Impastare tutti gli ingredienti per 4 minuti in 1a velocità quindi riporre in un mastello e chiudere bene con coperchio.
Lasciar lievitare in frigorifero a 4°C per minimo 16 massimo 24 ore.

PER L’IMPASTO
Impastare il Preimpasto con Mix Scrocchiarella, lievito e 500 g circa di acqua per 4 minuti in 1a velocità. Dopo un minuto, passare in 2a velocità aggiungendo olio extra vergine di oliva.
Lasciar impastare per ulteriori 10 minuti aggiungendo a filo il resto dell’acqua (comunque la quantità maggiore possibile). Lasciar puntare l’impasto 40 minuti circa nel mastello, rovesciare sul banco infarinato e pezzare del peso desiderato (1000 g di pasta x 1 metro di Scrocchiarella).
Formare i filoni ben stretti e riporre nelle cassette a lievitare almeno 3 ore a temperatura ambiente (20°C). Stendere i filoni, guarnire con le castagne lessate e infuse nel miele e con il cavolfiore viole, lessato e condito con sale e olio al tartufo. Cuocere su platea a 300°C.
Ultimare con il lardo di Colonnata.
 
Suggeriamo di abbinare a questa pizza una birra scura affumicata come la Goller Rauch

 

Italmill spa
Via San Pietro, 19/A – 25033 Cologne (BS) – ITALIA
tel. +39 030 7058 711
fax. +39 030 7058 899
clienti@italmill.com

 


Potrebbero interessarti anche