Spaghetti con caglio di latte di capra, friggiteli e bottega della Chef Bowerman

Ospiti al Glass Hostaria nasce in uno spazio dalle linee contemporanee e dal design innovativo, che mira al contempo a ricreare un’atmosfera calda, accogliente ed informale, grazie anche al lavoro fondamentale di tutta la brigata di sala. La filosofia del ristorante mira a dare vita ad un’esperienza articolata ed unica. Un’esperienza da ricordare, per chi vive a Roma e per chi viene da tutto il mondo a scoprire le bellezze della Capitale.
 
Tutto ruota attorno ai sapori intensi e originali cui Chef Cristina Bowerman riesce a dare vita. Ma vogliamo offrire anche qualcosa di più: un percorso, un mood, un momento speciale.
Insomma se siete nella capitale e volete immergervi nella cucina e nei viaggi culinari della fantastica chef Cristina Bowerman una tappa da Glass Hostaria è obbligatoria.
 
Ospiti al
Glass Hostaria
Vicolo del cinque , 58
00153 – Roma
www.glasshastoria.it

 

La ricetta degli spaghetti con caglio di latte di capra, friggiteli e bottarga

Ospiti al
 

Ingredienti per 4 persone:

 
• 300 g di spaghetti
• 250 g di latte di capra
• 80 g di friggiteli
• brodo di gallina q.b.
• 40 g di pane di Lariano fritto
• 1 filetto di alici del Cantabrico a porzione
• olio evo q.b.
• sale q.b.

 

Preparazione

 
Per il caglio di latte di capra
In una padella, versare il latte di capra e lascar ridurre un po’
 
Per i friggitelli
Tagliare alla julienne i friggiteli, poi saltarli in una padella con olio e sale.
 
Per gli spaghetti
Cuocere gli spaghetti per 4 minuti nel bollitore. Continuare la cottura per altri 4 minuti circa nella padella con il latte e, se necessario, aggiungere il brodo di gallina.
 
A cottura ultimata, mantecare aggiungendo olio a filo e i friggitelli.
 
Per servire
Servire gli spaghetti e nido e spolverizzare con la bottega.
Guarnire con il pane di Lariano fritto e i filetti di alici tagliati a Julienne.
 

Leggi anche “La zucca: il perfetto esempio di “biodiversità”. Proprietà benefiche e utilizzi in cucina

 

Ospiti al Foto crediti: Chef – Paul Read Photography; Locale – We Rise Studio; Piatto – Andrea Federici


Potrebbero interessarti anche