Gli ingredienti per un ristorante di successo: la formazione prima di tutto

Massimiliano Montanari

Massimiliano Montanari

I numeri non mentono, peccato che non sempre, anzi sempre meno, riusciamo a leggerli. Quando si vuole avviare un’attività di ristorazione ciò a cui si pensa è la cucina. Ci si dice: “Sappiamo cucinare, tutto il resto verrà da sé”. Non è proprio così, anzi una buona cucina è solo il primo passo, poi viene tutto il resto che è molto, molto di più di quello che si pensa. Ecco perché dobbiamo saper leggere e costruire un budget. In poche parole ci vuole formazione.
 
Gli ingredienti per un ristorante di successo: la formazione prima di tutto - Massimiliano Montanari

I 4 ingredienti per il successo del Ristorante

 
Da anni i nostri docenti e formatori sono nelle aule di tutta Italia. Interessante ascoltare le testimonianze dei corsisti. Alla fine (spesso troppo tardi) ci si accorge che “Il Ristorante stava affondando e io con lui! Mi sono accorto che dovevo capire cosa stesse accadendo e perché!” Gli ingredienti per il successo del Ristorante allora quali sono?
 

Location, concept, cucina e controllo dei costi: Budget!

 
La Ristorazione, come anche la ricettività o i supermercati, mette a disposizione un certo flusso di cassa che può – soprattutto all’inizio – trarre in inganno. Tutto sembra vada a gonfie vele mentre – al contrario – si stanno perdendo dei soldi!
 

Saper leggere il budget del Ristorante per poter programmare

 
Gli ingredienti per un ristorante di successo: la formazione prima di tutto
 
E’ essenziale allora tenere sul serio sotto controllo ciò che accade nella nostra azienda. Il Budget è quello strumento che ci aiuta a comprendere. Se, infatti, le informazioni che abbiamo a nostra disposizione sono corrette e aggiornate, anche le nostre scelte saranno funzionali al benessere aziendale e saremmo in grado di programmare investimenti, gestire il magazzino, scegliere i fornitori migliori.
 
Nonostante il trend dei pasti consumati fuori casa sia in continua crescita, è significativo il dato di mortalità delle imprese ricettive. La motivazione risiede proprio nella mancanza di cultura manageriale.
 
Vi lasciamo con una domanda: “Quanti ristoratori (soprattutto di imprese familiari) tengono alla propria formazione manageriale?
 
Massimiliano Montanari
montanari@turismark.com
www.turismark.com

 
Leggi anche “Marketing nella ristorazione, le 3 mosse vincenti a costo zero
 
 


Potrebbero interessarti anche