La ristorazione tornerà presto a livelli pre-crisi

Grande successo per la quinta edizione dell’Aperitivo CREST organizzato da The NPD Group, un pomeriggio intenso di lavori dove più di 80 top manager dell’industria e degli operatori della ristorazione hanno potuto confrontarsi su temi di grande attualità per chi opera in questo mercato.
 
Dopo i saluti di benvenuto ai partecipanti, Jochen Pinsker (Senior Vice President Foodservice Europa – The NPD Group) e Matteo Figura (Director Foodservice Italia – The NPD Group) hanno presentato i principali trend di consumo attuali e futuri del fuori casa in Europa ed in Italia. Dopo un periodo di crisi, il mercato italiano del fuori casa sta mostrando segnali di ripresa e nei prossimi due anni la crescita è destinata ad accentuarsi. La crescita che vedrà il mercato tornare a livelli pre-crisi sarà guidata dai luoghi a servizio veloce che hanno iniziato una fase di forte rinnovamento in Italia. Ma la ripresa passa anche attraverso dinamiche di consumo già da oggi visibili che in altri paesi europei hanno anticipato scenari positivi. Cresce già oggi l’area del pranzo e le famiglie tornano a mangiare fuori casa. All’interno del fuori casa emergono anche altri fenomeni importanti come la trasformazione delle catene ed il digital che ha favorito l’esplosione del servizio di delivery.
 
Il mercato, spinto dalla ripresa economica e da nuovi trend di consumo tornerà quindi nel 2019 ai livelli pre-crisi superando la soglia dei 63,6 miliardi di euro. Secondo The NPD Group, la spesa crescerà a un ritmo più sostenuto rispetto alle visite: “I consumatori tenderanno a non aumentare la frequenza – spiega Figura – ma in compenso, crescerà la loro propensione a spendere, grazie a una maggiore attenzione alla qualità del cibo e dell’esperienza di consumo”. Nel concreto il mercato crescerà nel 2018 e nel 2019 rispettivamente del +2,1% e del +2,4%. A trainare la crescita soprattutto il comparto del servizio veloce che nei prossimi anni vedrà il maggiore apporto di innovazione in termini di prodotti e servizi.
 

 
Il mercato giunge oggi dunque al giro di boa. Segnali positivi sono già visibili in alcune dinamiche del mercato osservate da NPD. Matteo Figura spiega che “ci sono dei trend consolidati che osserviamo nei diversi paesi in cui monitoriamo il mercato del fuori casa. In Italia in questo momento osserviamo trend positivi che riguardano la colazione, il servizio veloce e le famiglie. Tutto questo ci conferma che la crescita, seppur timida nel 2017, è destinata a concretizzarsi negli anni a venire”.
 
Si è parlato di futuro e di innovazione anche nel corso degli interventi cha hanno arricchito il pomeriggio di lavori. L’analisi sui comportamenti di consumo domestici tratti dal Report Coop, presentata da Albino Russo, DG Ufficio Studi Ancc-Coop, ha fatto il paio con i consumi fuori casa mentre Roberto Bramati, Presidente del Foodcourt C.N.C.C., ha affrontato il tema dell’Esperienza nella Ristorazione con un focus sui Centri Commerciali che oggi più che mai sono luoghi in cui la food experience si combina con la shop experience. Alessandro Ravecca, Presidente Nazionale di Federfranchising, ha parlato infine del delicato tema dell’Affiliazione e degli effetti sullo sviluppo del fuori casa in un contesto caratterizzato da nuovi trend di consumo.
 
Per maggiori dettagli, clicca qui


Potrebbero interessarti anche