Spill, il ristorante dove gli avanzi non avanzano mai

Cucinare con gli alimenti in scadenza è la nuova frontiera di chi ha a cuore il nostro pianeta e cerca di combattere gli enormi sprechi di cibo che ogni giorno vengono prodotti nel mondo.
 
Spill, il ristorante dove gli avanzi non avanzano mai

Erik Andersson e Ellinor Lindblom ©Ristorante Spill

 
In Svezia è una coppia di giovanissimi Chef, Erik Andersson ed Ellinor Lindblom che, dopo essersi incontrati e conosciuti lavorando all’interno della cucina di un ristorante stellato, hanno voluto aprire un locale che raccontasse questa nuova e sana filosofia di cucina quel’è quella del “non spreco”. Il locale aperto a Malmo lo hanno voluto chiamare “Spill”, che in svedese vuol dire proprio “spreco”.
 

Con il cibo recuperato, ogni giorno si creano piatti diversi ©Ristorante Spill

 
Il menu di Spill viene deciso giorno per giorno, a seconda delle materie prime che si trovano dai fornitori. Si tratta di carne e vegetali ancora buoni, ma che verrebbero buttati via perché brutti di aspetto o quasi scaduti. I due chef li trasformano invece in manicaretti.
 
“Parlando con un fornitore ci siamo resi conto di quanto cibo venisse buttato via – raccontano i due fondatori Erik e Ellinor -. E questo è totalmente sbagliato”.
 
Il ristorante recupera quello che verrebbe buttato ma che è ancora buono(soprattutto verdura e frutta, ma anche carne) e lo trasforma in piatti prelibati. La disponibilità dei prodotti si può sapere uno o al massimo due giorni prima e certo non si può avere qualcosa su richiesta, così ogni giorno si improvvisa un menù diverso.
 
Spill, il ristorante dove gli avanzi non avanzano mai

L’interno del ristorante Spill di Malmo ©Ristorante Spill

 
Il ristorante ospita 16 coperti per il pranzo, che si serve da lunedì a venerdì, ma offre anche servizio di take away o catering. E se in cucina capita di avanzare qualcosa, gli chef cucinano food boxes per la cena oppure prolungano la vita degli alimenti congelandoli, essiccandoli o mettendoli sotto sale.
 
Leggi anche “Cibo scaduto cosa fare: la prima regola è leggere bene l’etichetta
 
 
Fonte: Ansa


Potrebbero interessarti anche