Ecco chi è Bruno Vanzan, il Barman italiano tra i 10 migliori mixologist del mondo

Bruno Vanzan, il barman che ha fatto dei cocktail la sua vitaClasse 1985, Bruno Vanzan ha lo sguardo luminoso e il sorriso di chi ha una passione ed è riuscito a farne un mestiere: il Barman, ma non solo, Bruno, infatti, ha vinto moltissime gare e collezionato numerosi trofei e titoli, tra i quali spicca quello di Campione del Mondo di Flair.
 
Gli inizi, tuttavia, non sono stati né semplici, né facili, suo padre voleva che si iscrivesse all’Accademia di Aeronautica militare, ma la cosa non era nelle sue corde, già allora il suo sogno era diventare Barman, ma non uno qualsiasi, voleva diventare uno dei Barman più forti del mondo.
 
Inizia così, in un Bar della periferia di Roma, una gavetta che lo vede fare le pulizie per otto mesi e preparare il suo primo drink dopo un anno.
 
Consigliato da suo padre, inizia a seguire dei corsi. Studia, rinuncia alle serate con gli amici e con la caparbietà e la tenacia che lo contraddistinguono si allena nel flair, iniziando a gareggiare.
 
Viaggia e lavora in Africa, America, Europa, fino in Asia per accrescere le sue conoscenze e competenze nel settore.
 
Tra le sue prime esperienze che lo hanno veramente messo alla prova c’è l’anno che ha passato in Africa, dove si è trovato a lavorare 15 ore al giorno.
 
Bruno Vanzan, il barman che ha fatto dei cocktail la sua vitaTorna in Italia per un breve periodo, per poi partire alla volta di Las Vegas, dove essere bravi non è più sufficiente, bisogna essere i migliori.
 
Rientra in Italia per partecipare a più gare possibili per diventare nel 2010 il Trainer della più importante scuola di bartender.
 
Nel 2011, arriva un importante traguardo: l’inserimento nella World Flair Association Black List. Solitamente il nero non è un colore beneaugurante, ma in questo caso sì, in quanto viene inserito tra i migliori 10 Bartender del mondo per le vittorie conquistate sul campo.
 
Nel 2012 diventa fedele compagno di Benedetta Parodi nel programma “I Menù di Benedetta”, per 190 puntate, diventando così il primo Barman della televisione italiana.
 
Nel 2014 TopDj, un format in onda per due anni su Sky1, dove Bruno è protagonista del momento bar con i giudici del programma televisivo.
 
È ospite nel programma Cocktail House su Sky1, nel quale svela i suoi segreti per preparare un cocktail perfetto tra le pareti domestiche. Partecipa anche al La prova del cuoco su Rai1.
 
Bruno Vanzan è l’autore dei libri “Tutti i miei cocktail” e “Cocktail House“.
Bruno Vanzan, il barman che ha fatto dei cocktail la sua vita

Ingredienti 4 assaggi (o 2 antipasti):

 
• 4 cl di Gin
• 2 cl di Re’al Mango
• 3 cl di Liquore Volare al Lychee
• 1 cl spremuta di limone
• 2 g Wasabi
• 1 cl di sciroppo al basilico
Guarnire con Osomaki e foglie di bambù
 

Cocktail Sushi Martini

 
Da 65 anni l’IBA organizza la competizione tra Barman più prestigiosa al mondo.
 
Nel 2016 il paese ospitante era il Giappone e, a Tokyo, Bruno Vanzan con il suo cocktail “SUSHI MARTINI” ha vinto il premio come “BEST COCKTAIL 2016” ma non solo, si è aggiudicato, grazie alla sua ricetta innovativa a base di Wasabi e Osomaki, anche il premio DNA 2016 (la migliore ispirazione/nome del cocktail).
 


Leggi anche “Idee su dove andare a fare aperitivo? Ecco ApeTime, l’applicazione che stavi aspettando

 

 
 


Potrebbero interessarti anche